Competitive Data

Benvenuti in Competitive Data - Informazioni per Decidere

Sostenibilità

Nel gennaio 2020 Larry Fink, CEO e co-fondatore di BlackRock, ha dichiarato che le aziende, gli investitori, e i governi, devono prepararsi per una significativa riallocazione del capitale verso un’economia sostenibile.

BlackRock è la principale società di asset management mondiale, con quasi 7.000 miliardi di dollari in gestione. in Italia è azionista, tra le altre, di: Intesa SanPaolo, UniCredit, Banca Generali, Fineco, Enel, Eni, Telecom, A2A, Generali, Leonardo, Atlantia.

Come indicato dal legislatore europeo, per apparire nei radar dei grandi fondi di investimento c’è bisogno almeno di una dichiarazione non finanziaria.

E’ un passaggio fondamentale sia per le grandi aziende, che per le piccole e medie imprese.

In assenza di una dichiarazione non finanziaria l’azienda quotata non viene presa in considerazione, e la non quotata avrà più difficoltà con i fondi di private equity, ed in prospettiva troverà più ostacoli anche nella richiesta di un semplice finanziamento bancario.

Competitive Data, grazie ad una rete specializzata di partner, ed alla collaborazione con le principali associazioni del mondo consumeristico (Adiconsum, Federconsumatori, Adoc, Comitas, ConsumerLab), è in grado di supportarvi nella redazione e comunicazione della Lettera al Consumatore e della Carta della Sostenibilità.

I consumatori sono poco informati sulle pratiche di gestione sostenibile delle aziende, nonostante siano, ora più che mai, interessati ad apprezzarne i valori. I Bilanci di Sostenibilità non sono realizzati per loro ma per gli addetti ai lavori, cioè tecnicamente articolati, complessi e voluminosi; quindi i consumatori non li conoscono. Per questo motivo, al fine di promuovere la cultura della Sostenibilità diffusa, viene proposta la redazione della Lettera al Consumatore e della Carta della Sostenibilità.

La Lettera al Consumatore comunica direttamente ad un cluster qualificato di consumatori come la sostenibilità rappresenti per la impresa una linea guida nella gestione. Rappresenta infatti un canale innovativo di comunicazione perché offre una fonte primaria di informazioni sulle azioni svolte per la sostenibilità, capaci di generare speciale fiducia, promuovere e valorizzare la storia dell’impresa, le sue attività non finanziarie e il suo impegno per il futuro.

La lettera al consumatore viene inviata al cluster di consumatori specifico per l’impresa, scelti all’interno di un database qualitativo di 800.000 indirizzi suddivisi per categoria merceologica. 

La Carta della Sostenibilità raccoglie in una sintesi armonica ed esaustiva le informazioni utili già presenti nell’attività produttiva e le valorizza in ottica di sostenibilità. Un testo breve, semplice e praticabile; un primo importante passo verso la redazione di un vero e proprio Bilancio di Sostenibilità. Importante è testimoniare l’attenzione e il rispetto per il territorio, la comunità, il consumatore; evidenziare la condivisione del valore creato anche mediante innovazione resiliente, capace di adattarsi all’evoluzione della realtà sociale ed economica senza alterarne artificiosamente gli equilibri.

Organizzando le informazioni distribuite sui media, sul web, sui social (o altro fornito dall’impresa) potrà essere redatta una Carta della Sostenibilità per accreditarla e promuoverla; un primo passo verso la più impegnativa e complessa redazione di un Bilancio di Sostenibilità. 

Scopri adesso le metodologie, gli esempi, e le attività già realizzate per primarie aziende italiane del mondo industriale, energetico, utilities, finanza.

Chiedici
più info

                                            Ti rispondiamo 7 giorni su 7